banner
HOME CHI SIAMO CONTATTI F.A.Q. LINK UTILI ACCESSIBILITÀ
 
spacer
spacer
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
bakup
SPACER
banner
 
AGE MANAGEMENT

Promuovere lo sviluppo e la diffusione delle politiche per l’invecchiamento attivo attraverso un uso più efficiente del Fondo Sociale Europeo.

Il Network prende avvio ad Amburgo nel maggio 2008. In questa occasione gli Stati Membri interessati hanno individuato i punti di interesse e presentato lo scenario nazionale in merito ai temi dell’invecchiamento attivo. Nei successivi incontri è stato identificato un obiettivo comune: Migliorare le politiche per l’occupazione  e la realizzazione di programmi per l’Age Management per lavoratori over 45 nell’ambito del Fondo sociale europeo.
 
Le principali tematiche identificate in fase di start-up sono le seguenti:

  • sostenere e incentivare l’apprendimento reciproco da parte degli Stati Membri sulle tematiche dell’invecchiamento attivo per mezzo delle attività di rete e la diffusione di buone prassi;
  • creare occasioni per imparare dalle esperienze dei partecipanti al network
  • promuovere lo scambio di informazioni e conoscenze tra esperti e attori chiave;
  • promuovere la sensibilizzazione sociale e istituzionale sul tema;
  • sostenere il rafforzamento delle politiche derivanti dalle buone prassi.

Capofila
Paesi Bassi

Partner
Italia, Francia, Andalusia, Belgio francofono, Belgio fiammingo, Repubblica Ceca, Polonia, Germania, Estonia, PA Trento.

Sulla base degli interessi espressi sono stati definiti i temi dei gruppi di lavoro (Thematic Working Group) che opereranno nel network
TWG 1: Politiche per l’invecchiamento attivo nelle piccole e medie imprese
Leader: Italia
Partecipanti: Paesi Bassi, Francia e Belgio fiammingo, Repubblica Ceca

TWG2: Servizi Pubblici per l’impiego ed organismi coinvolti nell’ Istruzione e Formazione Professionale
Leader: Andalusia
Partecipano: Polonia e Belgio fiammingo

TWG3: Strategie e politiche Istituzionali
Leader: Germania
Partecipano: Belgio fiammingo, Italia
 

Il network europeo sull’invecchiamento attivo prepara il piano di lavoro per il periodo 2009 – 2011. Nell’ultimo incontro tenutosi ad Amsterdam nei giorni 2 e 3 Aprile 2009 sono state esaminate le eventuali conseguenze che la fase di recessione economica e crisi sociale ha avuto nei confronti del tema dell’age management, nei Paesi aderenti alla rete.
Tale prima sommaria analisi si collega alla volontà di proiettare le attività della rete sulle priorità del tema, alla luce delle recentissime dinamiche socio-economiche.
Sono stati rinnovati due focus, rappresentati dai servizi pubblici per l’impiego, in virtù del varo in Olanda dei Mobility Center, all’interno del pacchetto di misure anticrisi e del Workability Index, quale importante strumento per la valorizzazione delle risorse umane senior e programmazione delle politiche di invecchiamento attivo e life long learning.
È in previsione un incontro di lancio del network, ad Amsterdam, in cui presentare le opportunità alla comunità di potenziale beneficiari e destinatari, in modo da sintonizzare le iniziative con un approccio di coerenza, rilevanza e sostenibilità.
La rete ha avuto la possibilità di presentare una richiesta di sovvenzione comunitaria, nell’ambito del Programma Progress Fse. Tale richiesta non ha avuto esito, per la limitatezza dei fondi, per l’ampio numero di proposte presentate e per la necessità di migliorare l’illustrazione della strategia di disseminazione e sostenibilità.
Nell’ambito di incontri informali con la Commissione, è stato ribadito il forte interesse alla questione dell’invecchiamento attivo ed a tal proposito si terrà a Bruxelles, nei giorni 16 e 17 luglio 2009, presso il Ministero del Lavoro del Belgio fiammingo, un incontro del gruppo, finalizzato ad analizzare gli ambiti di miglioramento della proposta.
Sulla scorta della consolidata esperienza nelle attività di animazione tematica europea, il gruppo ha riconosciuto un ruolo importante all’Italia, nella costruzione di tale rinnovato schema espositivo e progettuale. L’area attività transnazionali Isfol, avrà, nel gruppo, proprio il compito di definire indirizzi ed azioni di mainstreaming, oltre al compito di contribuire alla riuscita delle diverse attività già in programma.

Sulla base dei nuovi interessi espressi sono stati definiti i temi dei gruppi di lavoro per la nuova proposta:
 
TWG 1:Occupabilità sostenibile e capacità al lavoro
  • Condizioni e salute sul lavoro, Work Ability Index
  • Life long learning, VPL, trasferimento intergenerazionale/mentorship
  • Gestione delle risorse umane, orientamento professionale, mobilità
  • Processi e organizzazione del lavoro
  • Conciliazione vita-lavoro

TWG 2: Transizione dalla disoccupazione al lavoro

  • Servizi Pubblici e privati per l'impiego
  • Prevenzione della disoccupazione attraverso la transizione da lavoro a lavoro
  • Imprenditorialità, imprese sociali, nuovi posti di lavoro
Temi trasversali
  • Sensibilizzazione e costruzione di un business case
  • Partenariato
  • Approcci di policy sul pensionamento anticipato, incentivi finanziari; la legislazione e le infrastrutture per la parità di trattamento
  • Precondizioni a livello di parti sociali (adeguamento degli accordi collettivi di lavoro)

 

Aggiornamenti

Il 28 gennaio 2010 è stato comunicato al partner capofila la concessione del Grant da parte della commissione europea sulla base del piano di lavoro presentato a settembre 2009.

 

Prossimi Appuntamenti

Documenti e Approfondimenti

Presentazione della rete a Brussells il 26 gennaio 2010 al Transnational Contact Point meeting
 
Incontro Steering Group - Siviglia 19 -20 novembre 2009
 
Incontro Steering Group - Bruxelles 16-17 luglio 2009
Verbale
 
Incontro Steering Group - Amsterdam 2-3 aprile 2009
Presentazione "Mobility centres"
Presentazione "Work Ability Index" (WAI)
Verbale
 
Bonn 19-20 novembre 2008
Verbale
 
Varsavia 1 ottobre 2008
Agenda
Verbale
 
Roma 24-25 luglio 2008
Agenda
Verbale
 
Amburgo 7-8 maggio 2008
Agenda
Verbale