banner
HOME CHI SIAMO CONTATTI F.A.Q. LINK UTILI ACCESSIBILITÀ
 
spacer
spacer
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
SPACER
bakup
SPACER
banner
 

Percorsi d’idee nel Mediterraneo
Parcours d’idées dans la Mèditerranée
 
Oriana Capezio
(A cura di / sous la direction di)
L’Harmattan Italia, Torino 2010

Il volume raccoglie la maggior parte dei contributi di un Convegno di Studi internazionale e intermediterraneo sul tema Les parcours des idée dans l’espace méditerranéen, tenutosi alla Fondazione Orestiadi / Dar Bach Hamba di Tunisi il 26 e 27 aprile 2007.
Il Convegno è stato organizzato dal centro di Studi sulle culture del Mediterraneo dell’Università di Napoli “L’Orientale” e fa parte degli incontri promossi da questa istituzione per costruire una rete di scambi e di dialogo tra istituzioni universitarie, fondazioni, centri di studi e ricerca in area mediterranea.
Il Convegno, tenutosi in lingua francese e in arabo, si è articolato in tre tavole rotonde rispettivamente dedicate ai seguenti temi: Logos et Phoronesis; Les dynamique du développement: conflits et synergies; Propositions d’études ed de recherches.
Al convegno, organizzato in partenariato con l’Università di Tunisi 1, l’Università Manouba di Tunisi, L’Università Mohammed V Agdal di Rabat, L’università Mohammed V Souissi di Rabat e l’Università di Salerno, hanno partecipato numerosi studiosi di area umanistica, nell’intento di creare nuovi orizzonti di scambi interdisciplinari e interculturali per contribuire alla costruzione di uno spazio intermediterraneo di conoscenza, formazione e sviluppo. 
 
 
 
Rilevazione degli interventi realizzati per l'integrazione delle persone autrici di reato 
Struttura Attività e relazioni internazionali Fse / Tavolo nazionale Fse per l'inclusione dei soggetti in esecuzione penale
Dicembre 2009
 
Il tavolo nazionale Fse per l’inclusione dei soggetti in esecuzione penale, costituito nell’ambito della Rete transnazionale Fse Ex-Offenders Community of Practice (ExOCoP), ha effettuato una rilevazione degli interventi realizzati per l’integrazione delle persone autrici di reato e considerati, dalle Amministrazioni centrali coinvolte, esempi di buone prassi.
 
Tale rilevazione ha consentito di avere un quadro della situazione a livello nazionale in termini di interventi progettuali e linee di finanziamento impiegate. Le buone prassi individuate sono inoltre risultate utili per il trasferimento di informazioni nell’ambito degli eventi di scambio realizzati a livello transnazionale dai partner della rete ExOCoP. A tal fine è stata elaborata anche una versione inglese della rilevazione contenente i soli progetti ritenuti utili per la partecipazione agli eventi della Rete.
 
 
 
Risposte europee all'attuale crisi socio-economica
Strategie a confronto in un Dossier ISFOL - ottobre 2009
 
a cura di Antonella Attanasio
Focus Isfol - Luglio 2009
 
Nell’attuale periodo di recessione economica mondiale, il Metodo del Coordinamento Aperto promosso dalla Strategia di
Lisbona per favorire la cooperazione tra Stati Membri, risulta un utile strumento per una convergenza delle politiche nazionali finalizzata al superamento delle criticità locali in ambito occupazionale ed economico. In particolare, la condivisione di strumenti, buone pratiche e risultati così come la definizione di un quadro comune di interventi, può permettere all’Europa di individuare soluzioni per uscire dall’attuale fase economica. Il Seminario “Strategia di Lisbona di fronte alla crisi: rilanciare l’economia investendo sulla formazione” organizzato dal Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali in collaborazione con la Commissione Europea e tenutosi a Tivoli il 2 luglio 2009, ha tra l’altro recentemente rappresentato una delle prime occasioni di studio e condivisione delle misure di contrasto alla crisi attuate nei diversi Paesi europei.
 
In tale prospettiva di confronto e scambio si colloca il documento “Risposte europee all’attuale crisi socio-economica”, realizzato dalla Struttura di supporto alla cooperazione transnazionale Fse dell’Isfol; il documento introduce nelle linee generali l’attuale situazione economica e occupazionale dell’Europa per poi concentrarsi più nel dettaglio sulle strategie anticrisi adottate in ambito formativo e occupazionale da Italia, Francia, Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Spagna e Svezia, con particolare riferimento alle politiche attive e all’utilizzo per queste del Fondo Sociale Europeo.
 
 
 
 
Mare nostrum
Cooperazione e nuove politiche
dell’Unione Europea nel Mediterraneo
 
a cura di Andrea Stocchiero
 
Carocci Editore, Roma 2009, pp. 311.
CESPI Centro Studi di Politica Internazionale
 
La pace nel Mediterraneo, un nuovo dialogo con l’Europa, maggiori coesione sociale e libertà, nel rispetto delle diverse culture e religioni, sono obiettivi ancora lontani dall’essere raggiunti. Nonostante ciò, e forse a ragione di questa situazione, nuovi attori quali le Regioni e gli enti locali, con le organizzazioni della società civile e del settore privato, hanno accresciuto il loro impegno a favore della cooperazione nell’area mediterranea. Il volume si propone di disegnare il quadro dell’interazione complessa tra attori e politiche in quest’area, analizzando i rapporti tra,le nuove politiche comunitarie, la percezione dei paesi vicini e prossimi all’adesione, la politica estera italiana verso l’area e il ruolo dei territori, in specifico delle regioni italiane.
 
 
 
Il nuovo Mediterraneo. Conflitti e coesistenza pacifica - La nouvelle Méditerranée. Conflits et coexistence pacifique
 
A cura di Dominique Bendo-Soupou, L’Harmattan Italia, Torino 2009, pp. 430.
Il volume, in francese e in italiano, registra gli Atti di un Convegno, patrocinato dall’Università l’Orientale di Napoli e dall’Università di Salerno, tenutosi all’Università Mohammed V – Agdal di Rabat nel marzo 2006 nell’ambito di un Programma di ricerca sul tema “Costruzione di una cittadinanza euro-mediterranea”, proposto dall’Università “l’Orientale” di Napoli, finanziato dalla Regione Campania e coordinato da Maria Donzelli.

Sous la direction de Dominique Bendo-Soupou, L’Harmattan Italia, Turin 2009, pp. 430.
Le livre, en français et en italien, contient les Actes d'un Colloque, parrainé par l'Université "l'Orientale" de Naples et l'Université de Salerne, qui a eu lieu à l'Université Mohammed V - Agdal de Rabat en Mars 2006 dans le cadre du Programme de recherche sur le thème "Construction d'une citoyenneté euro-méditerranéenne", proposé par l'Université "l'Orientale" de Naples, financé par la Regione Campania et coordonné par Maria Donzelli.


By Dominique Bendo-Soupou, L’Harmattan Italia, Turin 2009, pp. 430.
The book, edited in French and in Italian, contains the proceedings of a Conference realised with the support of the University “L’Orientale” of Naples and the University of Salerno and which took place at the University Mohammed V Agdal of Rabat on March 2006. The Conference was realised in the framework of a research program concerning the “Construction of a euro-mediterranean citizenship” proposed by the University “L’Orientale” of Naples, financed by Campania Region and coordinated by Prof. Maria Donzelli.